L’Artigiano

Sono andato alla bottega – si fa per dire – del Fabbro: un capannone in campagna, pieno di manufatti giganteschi. Devo farmi fare un paio di grigliette per il mio forno. Entro e non vedo in giro l’uomo che, pochi anni fa, mi aveva fatto la griglia che è, ormai, ‘cotta’. Si avvicina un omone: “Chi cerchi tu?

…ma…cercavo G…non c’è?

Chi?…e chi è G?

…beh…qualche anno fa mi aveva fatto dei piccoli lavori…

non c’è più…è zompato…nun ce stà più…che ne sò n’do è annato…

Ah…ho capito…è che io avrei bisogno di un piccolo lavoretto…roba da poco…ma non so se per voi non sia di troppo disturbo…sa, vedo questi grandi cancelli, profilati, scatolati…magari non mi potete aiutare…

che devi fà?…

beh..avrei bisogno di una piccola griglietta in ferro…

…per il tombino?…

no, no…per un forno…una griglietta per cuocere…magari non vi conviene, è troppo piccola…

…(sospiro)…senti…oggi famo tutto….de ‘sti tempi serve tutto…altrimenti come m’o compro er ferrarino?

il ferrarino?…ah…beh…mi sa che troppe ne dovreste fare di grigliette…con una griglietta non vi comprate neppure una vite di una Ferrari

…manco ‘n gommino, s’è per questo!…ma si te serve, serve puro a me…allora, come ha da essere ‘sta grijetta?

beh…piccola…basta che sia un 16×16, in quadrotti del 10…con quattro piedi, alta 16…

…e che ce coci?…’na bistecca ce sciacqua…

oh…ma a me basta…sa, ogni tanto accendo il fuoco…e cuocio…

mah…16×16 dici?…va beh…vié de là, che famo un disegno e te dico quante te costa

(Lo seguo, prendo dalla macchina la mia vecchia griglia ‘cotta’ ed entro nel suo “Studio”, munito di computer, stereo, tecnigrafo, condizionatore e televisore acceso)

allora…quadrato, 16×16…va bene con 1 cm. de pieno e 1 de voto?…

…perfetto…come questa…

ammazza…e che j’hai fatto?….anvedi che svirgolata…ma quanta carne c’hai magnato?…sembra che te sei magnato er fero, no ‘na bistecca!…ma non ho mai visto un fero magnato così…è proprio sderenato

beh…quanto basta…sì, 1 cm di pieno e vuoto è perfetto…

va bbeh…allora…quando te serve?

oh,…una settimana?…

seee…e che je dico a quello der cancello…l’hai visto de fori, no?….prima devo finì er lavoro grosso…poi, si c’ho tempo…te faccio ‘a grijetta…ma vedi che svirgolata…

ah, ok…e quanto mi costa?

…mah…er materiale…er lavoro…che te devo dì…damme trenta euri…va bbene?

benissimo…

però… non è per te, eh?…t’ò dico cor core…m’hai da lassà ‘n’anticipo…dieci euri…sai…

ma certo…anzi …ecco qua…trenta euro…

paghi mò?…ammazza….mò me tocca fartela subbito…

no, no…con comodo

no, no…te va bbene tra du’ ggiorni?…

ma certo…due giorni…passo io…

ma senti…è tutta magnata, ‘sta grija…che c’hai fatto?

ma nulla…non so…me l’aveva fatta G…infatti mi chiedevo se la qualità del ferro…

seeeee, ancora…er fero è la robba più tenera che ce stà…me capisci?…è tenero come er core…

ah, sì?…ma visto che si rovina così…magari potete accertarvi che il ferro sia di buona qualità?…sa, deve andare sul fuoco…

senti…nun ce sta più er fero de ‘na vorta…noi lo compramo e lo pagamo per bbono…ma che ne so che è, da ‘ndò viene…ormai puro er fero è cinese…ce mescolano de tutto…poi ‘ò ricoprono de melamina d’acciaio, puro quella fatta co ‘n sacco d’artra robba….’na pasta chimica, per resiste’ all’aria…ma chi è che pensa di fà er fero pe’ er foco?…’io nun lo so, si er fero che pago per fero bbono, è fero vero…me capisci?….

ma…lei è un fabbro…se non lo conosce lei…

ancora!…er fabbro oggi è ‘n’assemblatore…noi mettemo assieme i pezzi…come er falegname…io nun ce capisco gnente, sur fero…’o compro un tanto ar quintale…m’o scaricano fori…che ne sò che ce stà dentro…

ma, è un peccato, no?….se l’artigiano non sa più cos…

l’artiggiano??…e ‘ndo stanno gli artiggiani?…se ne sò ‘ndati…via…nun ce stanno più…non ce possono più stà….chi ‘o vole l’artiggiano?…’na vorta, i cancelli se facevano tutti a mano, senza sardature…tutto co’ ‘e placche e ribbattute a cardo…’n lavoro che durava mesi…tutto ch ‘è mani….e chi lo sà fà più, mò?…l’artiggiano, quello sì ‘o conosceva er fero…ce parlava, lui…mi’ nonno ce lavorava ‘a notte, perché diceva che er fero quanno è pronto, ‘o devi da lavorà subito…e batteva, batteva…cor martello, ‘o piegava…co’ l’acqua e er foco…era n’omone grosso, co’ certe braccia e certe mani…lui se lo scallava piano piano…e quanno ‘o vedeva bianco…diceva che era pieno, era pronto…e je faceva pijà ‘a forma che diceva lui…ce parlava…e poi lo batteva, ‘o scardava…’na cosa lunga…un lavoro lungo…ma je piaceva, più de mi’ nonna, bonanima…ma faceva certe finestre, certe porte…pesavano n’accidente…perché er ferò era n’antro…mo’ è tutto cinese…’o senti quant’è leggero?…è voto…mi’ nonno direbbe che je manca l’anima…va beh…ma che t’o dico a fà…

no, no…lo capisco…ma, con tutto il rispetto per il suo lavoro…è un gran peccato che gli artigiani non ci siano più…quelli veri, intendo

…co’ s’ta società?…qui nessuno c’ha più la voja de sognà…e li sogni costano…più de ‘sta robba…io assemblo…e basta…quanto ‘o dovrei fà pagà ‘n cancello come quelli de mi’ nonno?…chi s’o potrebbe cumprà più…quello era un pezzo dell’arte sua…un pezzo dell’anima sua, me capisci?…oggi, chi lo capirebbe…tu?….magari tu, ma quanto te costerebbe?…no, nun se po’ più fà…damme retta…io nun ce capisco gnente, rispetto a mi’ nonno….io sò ‘n cane, de fronte a llui…ma guadambio dieci vorte de più…me tocca….come ‘a pago ‘a robba?…come m’o compro er ferari, sinnò?…ah, ma mi’ nonno era un artiggiano…’ma tu lo sai che vo’r dì ‘artiggiano’…ancora me lo ricordo: stava davanti ar foco de la fucina, un focone grosso, co ‘n cardo che te soffocava…se vorta e me fa…’artiggiano…è l’arte…è ‘na cosa tra te e er fero…n’arte…e c’ha du’ facce…come GGiano, er dio de roma antica…c’aveva du’ facce…una guardava devanti e una de dietro…una prima e una dopo…ce sta’ ‘na porta ‘n mezzo…e ce stà GGiano…e te ce passi co’ l’arte tua…e lui te manna da ‘na parte ‘a Maggia, e dall’artra ‘a Forza…e er fero, er fero…’o sente… se squajia, je se apre er core, e tu ‘o prenni…co’ le mani tue…e je dai ‘a forma…ma coll’arte, capito?…semo artiggiani, capito…’a robba nostra sente er foco…ma ce stai puro tu…e GGiano…è n’arte…’

beh…che bello, però…

…mah…è robba vecchia, nun serve più….io m’o ricordo, come fosse ieri…ma io nun ‘o sò fa, lui era ‘n romantico, ‘n ‘omone grande e grosso, ma romantico…nun ce capisco gnente, io…nun sò ‘n’artiggiano…faccio cancelli…e basta…ma la grijetta tua, passala a pijà tra du’ ggiorni…magari je dò n’a botta a ‘sto fero…ma ‘o sai che non l’avevo mai visto un fero così magnato?…ma tu che ce coci sopra?

Advertisements

4 Responses to “L’Artigiano”

  1. Caro Capitano,

    non me lo posso permettere… sono in ospedale, collegato con la chiavetta… di nascosto… e piango, come un bimbo. Speriamo che non entrino gli infermieri … ‘che je racconto??’ Che bello, però… e che combinazione, volevo anch’io raccontare una storia, sul blog, una storia d’amore, come la sua… Ma questa per adesso mi riempie l’anima ed i pensieri. Magari la scriverò più in là, oggi basta. Ma grazie, grazie di cuore.

    Noldor

    Like

  2. Caro Capitano,

    Il suo nuovo amico ha perfettamente ragione, gli “artigiani” quelli veri, non ci sono più. Troppo presi, troppa frenesia. Ma devo dire anche che in certi piccoli posti, dove il tempo scorre diversamente da altri, il cuore detta ancora “legge”. E per fortuna!!!! Personalemente ne conosco e ne vedo ancora. E sa cosa mi stupisce sempre? I loro occhi, gli occhi di un bambino, anche se sono oramai curvi sulle loro fatiche, battono, tagliano, piegano, cuciono, con il sorriso sulle labbra.

    Tonneau

    Like

  3. Commovente. Ma fotografico.

    Like

  4. Caro Capitano
    solo una breve riflessione… Arte e Passione, Materia ed Anima… o meglio secondo il mio sentire: la Materia svela la propria anima a colui che spinto dal Fuoco della Passione svela la propria, così che dalle due si generi Uno.
    Così è il processo, in ogni fatto della Natura. Dentro e fuori: fino all’Uno.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: